Workshop “in scena felice e a mio agio”

Amiche e amici di Teatro Quindi, la serie di incontri speciali dedicati alla ricerca e agli approfondimenti teatrali continua. Siamo lieti di annunciare il Workshop tenuto da Giulio Forges Davanzati su una delle caratteristiche più forti di questo spumeggiante attore.

  • Sabato 26 Ottobre, ore 16.00/19.00
  • Presso gli spazi messi a disposizione dal Teatro Aurelio
  • E’ richiesto un contributo di 5 euro.

Potete prenotarvi tramite la mail formazione.teatroquindi@gmail.com .

“IN SCENA FELICE E A MIO AGIO”Dialogo esperienziale basato sul qui ed ora.
Perché sono qui? Cosa voglio? Cosa sono disposto a fare per ottenerlo?
Saper rispondere a queste domande è fondamentale nella mia vita.Spesso mi innervosisco perché sento che le risposte non emergono con chiarezza.E mi chiedo quanto sia importante ritornare al concetto di “piacere”. Il piacere di iniziare un percorso dentro di me, insieme a delle persone con tutti i miei limiti blocchi e difficoltà.
E per incamminarmi in un viaggio vorrei sempre essere pronto al 100%: fisicamente, emotivamente, spiritualmente, mentalmente
ma ogni volta ho come la sensazione di dover partire tra 10 minuti e davanti a me ho una valigia aperta piena di roba dentro e fuori e non ho idea di come fare!
Il punto di partenza è sempre il respiro, il rilassamento. Riuscire a riconoscere dov’è che sto tendendo e in quel momento scegliere di lasciar andare.
Un filosofo buddista di nome Josei Toda diceva che “siamo venuti al mondo per godere della vita […] Per raggiungere uno stato in cui vivere è di per sé una gioia”


Mi piacerebbe che ci prendessimo il tempo di scoprire quali sono quegli elementi di cui io ho bisogno per liberarmi in scena, di mettermi nelle condizioni di essere “felice e a mio agio” mentre compio la mia missione. Perché ognuna/o di noi  ha una missione che solo lei/lui può compiere.
E grazie a questa possiamo fare emergere chi siamo, la nostra bellezza. Niente di quello che portiamo con noi è inutile o stupido. Quindi, se vi va, vi chiederei di scegliere un pezzo che MORITE DALLA VOGLIA DI PORTARE CON VOI, che avete voglia di regalarci: può essere una poesia, un monologo, una scena, una canzone come a dirci “vado matta/o per questa cosa e ve la regalo”.
Se è importante per te lo sarà anche per noi, a te la scelta.
Pensi che portare con te un’idea di come vestirebbe il tuo personaggio potrebbe aiutarti? Perché no, portaci pure la tua proposta.
Partiremo da quello che ci piace e che è importante per noi al fine di rintracciare nel testo e nei personaggi quel che ci accende e ci fa bruciare.
Qual’è il messaggio bruciante che dobbiamo assolutamente comunicare al mondo in questo momento?
Ci muoveremo insieme per trovare una personale condizione di rilassamento  tale da rendermi “felice di essere qui vivo davanti a voi“.

Giulio F.D.

Lascia un commento